Animali Con La Lettera Y – Elenco Completo

Ti stai chiedendo quali sono i nomi di animali che iniziano con la lettera Y? Scopri subito tutti i nomi di animali che iniziano con la penultima lettera dell’alfabeto. Questo può aiutarti a soddisfare una tua curiosità personale oppure aiutarti in una prova di capacità o semplicemente in un gioco.

Se ad esempio stai giocando a “Nomi, Città e Cose“, con un dettaglio cosi ben definito sarà difficile batterti. Con la lettera Y iniziano tanti nomi di animali sia in italiano che in altre lingue, come ad esempio l’inglese. Molti di questi nomi non li avrai mai sentiti prima d’ora. Scopriamo subito l’elenco completo degli animali che iniziano con la Y.

Animali con la lettera Y

  1. Yak

Lo Yak è un mammifero simile a un bue a pelo lungo e con le zampe corte che è stato probabilmente allevato in Tibet ma è stato introdotto ovunque ci siano persone ad altitudini di 4.000-6.000 metri, principalmente in Cina ma anche in Asia centrale, Mongolia e Nepal.

Gli yak selvatici sono talvolta indicati come specie separate per differenziarli dagli yak domestici. Gli yak selvatici sono più grandi, raggiungono 2 metri di altezza alla spalla e pesano oltre 800 kg; le mucche pesano meno della metà. In Cina, dove sono conosciuti come “bovini pelosi”, gli yak sono fortemente sfrangiati con lunghi capelli neri su un sotto-pelo più corto nerastro o marrone che può mantenerli caldi a -40 ° C. Il colore negli yak domestici è più variabile e le macchie bianche sono comuni. Le corna sono lunghe 80 cm nei maschi, 50 cm nelle femmine.

Curiosità sullo Yak

La maggior parte degli yak vengono allevati sebbene vi sia anche una piccola popolazione di yak selvatici.

Gli yak sono animali da branco. Le mandrie possono contenere diverse centinaia di individui, sebbene siano spesso molto più piccole.

Le mandrie sono costituite principalmente da femmine e dai loro piccoli, con un numero minore di maschi adulti.

Gran parte del loro tempo è dedicato al pascolo sulle pianure montane, mangiando erba, erbe e fiori selvatici.

Simile ad altre specie di mucche, lo yak ha più di uno stomaco che utilizza per estrarre con successo tutti i nutrienti dalle piante che mangia.

Gli yak hanno corna solide e dense che usano per sfondare la neve al fine di ottenere le piante che sono sepolte sotto. Utilizzano anche le loro corna per difendersi.

Di notte e durante le tempeste di neve si proteggeranno dal freddo rannicchiandosi insieme ai polpacci nel centro più caldo.

Gli yak di solito partoriscono a giugno. Uno yak femmina dà alla luce un singolo vitello ogni due anni. La madre troverà un posto appartato per partorire. Una volta nato, il vitello è in grado di camminare entro una decina di minuti e la coppia si riunirà alla mandria.

Gli yak sono molto amichevoli in natura e c’è stata pochissima documentata aggressività dagli yak verso gli esseri umani, anche se le madri possono essere estremamente protettive nei confronti dei loro piccoli e bluffare se si sentono minacciate.

Contrariamente alla credenza popolare, gli yak e il loro letame hanno un odore quasi impercettibile se mantenuti in modo appropriato.

Storicamente, il principale predatore naturale dello yak selvaggio è stato il lupo tibetano.

Lo yak selvaggio è minacciato dalla perdita di habitat e dalla caccia eccessiva da parte dell’uomo.

Potrebbe interessarti anche: