Liquidi fai da te per sigarette elettroniche: come prepararli

Liquidi fai da te per sigarette elettroniche: come prepararli

In commercio sono disponibili tanti liquidi e aromi diversi per sigaretta elettronica, ma molti svapatori esperti preferiscono prepararli da soli per avere il massimo della personalizzazione.

Chi si avvicina per la prima volta al mondo dell’e-cig, invece, può riscontrare difficoltà, sia ad orientarsi nella scelta del liquido, che nella preparazione fai da te.

Un vantaggio della preparazione fai da te dei liquidi per sigarette elettroniche, è quello di poter decidere la quantità di nicotina o optare per la sua totale assenza. Grazie a questo vantaggio, le e-cig risultano un ottimo strumento per chi vuole smettere di fumare. Nel confronto tra sigarette tradizionali ed elettroniche sul sito AIRC si evidenzia  infatti come le seconde siano valutate meno pericolose per la salute e come i liquidi senza nicotina, rappresentino un valido aiuto per chi vuole eliminare dalla propria vita il vizio del fumo.

Liquidi sigaretta elettronica: cosa sono?

Prima di capire come preparare autonomamente un e-liquid è importante conoscerne la composizione e il funzionamento.

I liquidi sono sostanze fluide, anche aromatizzate, che vengono riscaldate fino a trasformarsi in vapore, inalato poi dallo svapatore.

Tutti i tipi di liquidi, con nicotina e senza, sono contenuti in boccette o cartucce che servono a ricaricare la sigaretta elettronica. In base al modello di e-cig è possibile che il liquido debba essere versato direttamente nel dispositivo, oppure, ricaricato cambiando la cartuccia.

Tossicità dei liquidi della sigaretta elettronica: cosa dicono gli studi?

Studi della FDA sui livelli di tossicità dei liquidi in America, a cui si sono aggiunte varie ricerche, hanno evidenziato che i liquidi per le sigarette elettroniche non sono tossici.

Ci sono stati diversi allarmismi e preoccupazioni riguardo alle quantità di metallo disciolto all’interno del liquido caldo, poi inalato e introdotto nell’organismo. Ma i dati hanno dimostrato che non c’è alcun pericolo.

Stesso discorso per ciò che riguarda la glicerina vegetale e il glicole propilenico al momento della trasformazione in vapore tramite calore. Le due sostanze si alterano solo quando arrivano a livelli di calore elevati, non raggiungibili con le e-cig.

Preparazione liquidi sigaretta elettronica fai da te: da dove iniziare

Se vuoi preparare il tuo liquido per e-cig dovrai dotarti di alcuni ingredienti e strumenti che puoi acquistare in shop specializzati. Se non sai dove acquistare tutto l’occorrente, ti consigliamo la sezione dedicata ai liquidi per sigaretta elettronica e aromi su Vapeinitaly, fornita di tutto il necessario per la preparazione di e-liquid fai da te.

Avrai bisogno di:

  • Glicerolo Vegerale (VG)
  • Glicole Propilenico (PG)
  • Acqua demineralizzata
  • Aroma concentrato
  • Boccette vuote graduate

Le miscelazioni variano in base al tipo di base che vuoi ottenere, a cui verrà poi aggiunto l’aroma e la nicotina (facoltativa). Di seguito vediamo alcune di quelle più comuni.

La creazione della base

Base 50/50

La base 50/50 è la più semplice da realizzare, ed è composta da un 50% di glicole propilenico e un 50% di glicerina vegetale. Prendendo una boccetta vuota graduata e volendo preparare una base da 100 ml, basta versare 50 ml di glicerolo e 50 ml di glicole.

Agitare per bene e lasciare riposare qualche minuto finché il colore torbido e schiumoso sparisce del tutto. Questa base è molto versatile e apprezzata da chi preferisce il tiro di guancia. Inoltre, può essere utilizzata su quasi tutti i tipi di sigaretta elettronica in commercio.

Base 70/30

La base 70/30 è composta dal 70% di glicerina e 30% di glicole. Per cui, sempre ipotizzando una base di 100 ml, bisogna versare nel flacone graduato 70 ml di glicerolo e 30 ml di glicole. Agitare bene e attendere che il liquido diventi limpido prima di utilizzarlo. Questa base è indicata soprattutto per lo svapo di polmone.

Base 80/20

La base 80/20 è più densa ed è consigliata solo per alcuni atomizzatori adatti per lo svapo di polmone. Per la base da 100 ml, bisogna versa 80 ml di glicerina e 20 ml di glicole. Agitare e far risposare.

Base 50/40/10

La base 50/40/10 è composta da glicerolo, glicole e acqua. Su 100 ml di base bisogna versare, all’interno della boccetta graduata, 50 ml di glicerolo, 40 ml di glicole e 10 ml di acqua. Agitare per bene e attendere qualche minuto prima di utilizzarla.

Questa è una soluzione più liquida e indicata soprattutto per lo svapo di guancia su Pod Mod o atomizzatori meno recenti.

L’aroma

L’aroma è ciò che dà gusto allo svapo e negli anni sono nati centinaia di aromi ed e-liquid studiati per regalare le migliori esperienze ai vapers.

In generale, esistono aromi semplici o mono gusto e aromi complessi.

Gli aromi per sigaretta elettronica detti “semplici” sono mono gusto e vengono spesso utilizzati per creare delle vere e proprie ricette. La percentuale di diluizione indicata sulla confezione è indicativa se utilizzata per il mixing con altri aromi concentrati.

L’aroma di tipo complesso, invece, è un prodotto pronto per la diluizione e la creazione di un e-liquid, realizzato da aromatieri esperti e venduto per essere utilizzato così com’è nella creazione dell’e-liquid, senza ulteriore mixing.

Quando si prova un nuovo aroma, il consiglio è quello di preparare solo una parte di e-liquid in modo da poter fare piccoli esperimenti sul dosaggio e trovare la proporzione ottimale in base ai propri gusti.

L’aggiunta della nicotina

Le basi per i liquidi delle sigarette elettroniche citate fino ad ora sono prive di nicotina e aroma. Cosa bisogna fare per aggiungerli senza sbagliare?

In commercio sono disponibili le basette di nicotina, ovvero, basi neutre in confezione da 10 ml, addizionate con percentuali di nicotina. Sono utilizzate proprio per dosare questa sostanza quando si preparano liquidi per e-cig fai da te.

Se vuoi aggiungere le basette di nicotina al tuo liquido per sigaretta elettronica ricordati di munirti di guanti, poiché la nicotina è una sostanza tossica a contatto con la pelle.

Per conoscere le giuste quantità di nicotina, così come per l’aggiunta dell’aroma, puoi utilizzare un calcolatore di liquidi fai da te (ecco un’app di esempio: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.vapefactory.liqcalc.liqcalc&hl=it&gl=US), uno strumento utile per effettuare con esattezza la combinazione dei vari prodotti.

La maturazione

Alle fine delle operazioni il tuo liquido per sigaretta elettronica è pronto. Tuttavia prima di iniziare ad utilizzarlo devi attendere il giusto periodo di maturazione. Si definisce periodo di maturazione il tempo in cui il liquido svapo viene lasciato riposare. I tempi variano da pochi minuti a qualche giorno.

In linea generale, quanto più un aroma è complesso e quanto più glicerolo è presente nella base, tanto più lungo sarà il periodo di maturazione.

La preparazione di un liquido fai da te è quindi un’attività alla portata di tutti, sia dei vapers esperti che di quelli alla prime armi. Tuttavia, ti raccomandiamo sempre di prestare la massima attenzione, seguire le indicazioni sulle confezioni, indossare un paio di guanti ed evitare di improvvisare.