I cani possono mangiare le patate?

I cani possono mangiare le patate?

Quando si diventa padroni per la prima volta di un cane sono molte le domande di cui non si conosce la risposta, molte di queste riguardano proprio la sua alimentazione. Una tra le domande che generalmente ci si pone è: Si possono dare le patate ai cani? daremo in fretta la risposta: si, i cani possono mangiare le patate.

Nonostante la domanda possa sembrare banale, sono molte le ragioni che portano le persone a porsi tale problema, infatti è importante che l’alimentazione del proprio cane risulti salutare e priva di cibi dannosi.

Dal punto di vista nutrizionale rappresentano un’ottima pietanza poiché ricche di carboidrati, ma prive di grassi. In base alla cottura e al piatto da cui vengono accompagnate possono rappresentare un cibo decisamente salutare per le diete.

Tuttavia è bene ricordare che i cani possiedono dei bisogni alimentari diversi dall’uomo e ciò comporta dei precisi adattamenti della pietanza alla loro dieta.

Nonostante le possano mangiare senza troppi problemi, è necessario specificare che questo tubero non possa rappresentare un alimento quotidiano, quindi va dosato nelle giuste misure o potrebbero insorgere problemi.

D’altro canto è pur vero che nessun alimento debba essere un pasto fisso ogni giorno, il modo per rendere più salutare ogni dieta è proprio l’alternanza di alimenti diversi durante la routine.

Patate ai cani: quante ne possono mangiare?

Come accennato precedentemente, lo stomaco dei cani è per certi versi più sensibile di quello dell’uomo, quindi necessita di alcune attenzioni particolari.

Ogni volta che viene dato del cibo al nostro amico peloso dobbiamo fare attenzione che quella porzione non sia eccessiva poiché potrebbero insorgere alcuni fastidi.

La patata è un alimento molto salutare, nonostante l’elevata quantità di carboidrati rappresenta un cibo che generalmente non causa problemi, anzi, il più delle volte si tratta di un rimedio vero e proprio.

Ebbene si, questi tuberi sono degli ottimi alleati contro i problemi intestinali come la diarrea, per tale ragione la loro assunzione potrebbe determinare una guarigione più rapida.

Tornando al discorso precedente, viene consigliato di dare le patate ai cani solo occasionalmente.

Se accompagnate da altri alimenti, ovviamente privi di sale e salse varie, possono rappresentare un pasto di altissima qualità per la salute del tuo caro amico.

Ciò significa che il tuo cane possa gustarsi questo prelibato piatto soltanto in certe occasioni e non regolarmente, l’idea migliore potrebbe essere quella di prepararlo in alcuni momenti speciali dove festeggiare tutta la famiglia.

Come prepararle?

Quando si preparano delle pietanze per il proprio cane è di fondamentale importanza adattare la preparazione dell’alimento alla salute dell’amico peloso.

In questo caso è chiaro che le patate non possano essere fritte poiché potrebbero rappresentare tutt’altro che un pasto salutare per il cane.

Prima di dare le patate al cane è di fondamentale importanza comprendere quanto il metodo di cottura sia capace di alterare le proprietà e le sostanze nutritive di cui dispone l’alimento.

In casi come questi si raccomanda che la preparazione avvenga in questo modo:

  • Lavare accuratamente la buccia per eliminare eventuali sostanze nocive rimaste sulla buccia.
  • Pelarla, questo passaggio serve a completare la pulizia iniziata nel passaggio precedente al fine di eliminare ogni tipo di virus e batteri presenti sullo strato esterno.
  • Cucinarla, in questo caso è fondamentale tener conto che la frittura non possa rappresentare in alcun modo uno tra i tipi di cottura. Sono infatti consigliate due principali tipi di cottura: al forno oppure bollita.

Affrontando con attenzione ognuno di questi passaggi sarà possibile realizzare un piatto molto salutare per il tuo cagnolino, ma ricorda di stare attento alle dosi!

Precauzioni

Nonostante siano stati descritti tutti i passaggi affinché la preparazione delle patate risulti ottimale per il tuo cane, devi fare attenzione ad un particolare prima della preparazione della pietanza: le zone verdi.

La patata è un tubero che si suddivide in varie specie, quella più diffusa presenta una colorazione giallastra.

Così come ogni altro frutto o pietanza di origine vegetale, anche le patate possono risultare ancora acerbe ed è possibile notarlo dalla colorazione verdastra nella buccia o all’interno.

In questi casi è di fondamentale importanza rimuovere la zona indicata e anche la parte circostante poiché in questi punti è presente la solanina.

Si tratta di una sostanza tossica che utilizzano le patate per difendersi da altri organismi viventi. Nonostante venga eliminata in parte anche dalla cottura, la solanina può risultare una sostanza parecchio fastidiosa se dovesse raggiungere l’intestino.

Inoltre è bene precisare che non si tratti di una sostanza mortale, soprattutto per le quantità che possono essere ingerite prima di avere controindicazioni, tuttavia è bene evitare possibili problemi eliminando il male alla radice.

Prendendo ognuna di queste precauzioni e osservando con cura il processo di preparazione, potrai finalmente cucinare un piatto prelibato per il tuo cane, anche se gli toccherà assaporarlo una volta ogni tanto.

Infine ricorda una cosa molto importante: così come le patate fritte non possono essere date al cane, lo stesso vale per le patatine confezionate, quelle che vengono definite ”Chips”. A

Anche queste rappresentano un alimento molto dannoso per la salute del tuo amico a quattro zampe.