Animali con la lettera O

Animali-con-la-lettera-o

Qui sotto troverai alcuni nomi di animali che iniziano con la lettera O sicuramente a te noti e altri un po’ più sconosciuti, i quali potranno esserti utili non solo per curiosità personale, ma anche per giochi di parole come Nomi, cose e città.

Elenco animali con la lettera O

  • Ocelot
  • Onisco
  • Occhiata
  • Opossum
  • Orice
  • Okapi
  • Ostrica
  • Otocione
  • Orango

Conosciamoli meglio!

Ocelot

Affascinante felino selvatico noto anche come gattopardo, principalmente diffuso nel continente americano in zone di folta vegetazione. L’Ocelot è caratterizzato da un particolare mantello piuttosto appariscente: il corpo marrone- rossiccio presenta infatti strisce e maculazioni di colore nero; questo suo tratto gli permette di mimetizzarsi tra la vegetazione durante la caccia. La sua dieta si basa su piccoli roditori, uccelli e anfibi.

Una nota particolare da aggiungere è il suo rapporto con l’uomo, è stato infatti fortemente cacciato e bramato per la sua pelliccia, portandolo quasi a rischio di estinzione; questa situazione sta fortunatamente migliorando, ma rimane comunque un animale da proteggere.

Onisco

Chiamato anche con il nome di porcellino da terra è un piccolo crostaceo che ama particolarmente gli ambienti ricchi di umidità; si sposta sempre di notte per cercare cibo, mentre durante il giorno trova riparo sotto le pietre o nel terreno. Formato da un involucro a scaglie di colore marrone scuro, possiede due antenne e otto paia di zampe. L’Onisco si nutre di vegetali in decomposizione.

Occhiata

Pesce d’acqua salata diffuso principalmente nel Mediterraneo e nell’oceano Atlantico, dove preferisce zone costiere rocciose. Dalla forma ovale l’Occhiata presenta un corpo schiacciato con livrea grigia/azzurra, si aggiunge anche qualche zona più scura o chiara. Animale onnivoro, si nutre infatti di alghe e piccoli organismi invertebrati; in genere si muove in grandi banchi.

Opossum

Mammifero marsupiale tra i più antichi al mondo; comprende 75 specie diverse diffuse soprattutto nel continente americano, dove preferisce grandi praterie o fitte foreste. L’Opossum presenta dimensione che variano da 7 a 50 cm di lunghezza; il pelo è su toni marrone scuro e possiede una dentatura piuttosto affilata, la quale gli consente di difendersi da eventuali attacchi.

Orice

Grande antilope prettamente diffusa nei territori africani, dove preferisce steppe erbose. L’Orice possiede due caratteristiche corna, le quali possono arrivare fino a 150 cm di lunghezza, anche la femmina le ha a disposizione, risultano però più sottili e corte. Animale di grossa taglia dal manto color marrone/grigio, invece viso e zampe sono tinti con striature bianche e nere. In genere vive in piccoli branchi composti da una decina d’individui; la sua alimentazione è a base di erbe, in caso di necessità si nutre invece di radici o tuberi.

Okapi

Mammifero appartenente alla stessa famiglia delle giraffe, è diffuso principalmente nella giungla del Congo, dove si nutre di tantissime varietà di piante. L’Okapi possiede un manto rossastro e due zampe con striature come quelle della zebra; presenta poi un collo piuttosto allungato e due orecchie appuntite, come le giraffe si caratterizza per due piccole corna in testa. Dal carattere solitario e mansueto si rifugia nelle zone di vegetazione fitta, questo per poter nascondersi dagli eventuali predatori. Una sua particolarità è l’assenza di versi da lui emessi.

Ostrica

Mollusco bivalvo diffuso principalmente nei mari europei; presenta un corpo tondeggiante posto all’interno di una conchiglia, la quale è ricoperta di lamelle nella parte esterna. Secondo diversi scavi e ricerche l’Ostrica è uno dei primi alimenti consumati dall’essere umano, risulta infatti facile da trovare. Alcuni di questi animali producono delle perle.

Otocione

Detto anche volpe dalle orecchie a pipistrello è un mammifero diffuso nell’Africa subsahariana, dove preferisce pianure aperte o zone calcaree. L’Otocione possiede una struttura snella, coda piuttosto lunga e folta, piccole dimensioni e orecchie molto grandi; il pelo risulta lungo e morbido dal colore argenteo con sfumature marrone scuro. In genere tende a evitare lo scontro con altri animali, per questa ragione si avventura durante la notte.

Orango

Primate di grandi dimensioni, arriva infatti a un’altezza di 1,7 m; presenta arti anteriori molto lunghi e piuttosto forti superando i due metri di apertura, mentre quelli posteriori sono più deboli e corti. L’Orango possiede un pelo lungo e rossastro, folto sopratutto sulle spalle formando così una sottospecie di mantello. Per la maggior parte si nutre di frutta come litchi, manghi e durian, può aggiungere anche alcune tipologie di foglie e fiori; il suo habitat ideale sono zone calde e umide, è infatti diffuso nelle foreste tropicali del Borneo e nell’isola di Sumatra.

Vive in genere da solo, è un esemplare mansueto e calmo finché non si trova in situazione di pericolo, dove mostra tutto il suo lato aggressivo. Da notare che l’Orango è un’animale in via d’estinzione.