Cane da Pastore tedesco: tutto quello che devi sapere su temperamento e carattere

Cane da Pastore tedesco: tutto quello che devi sapere su temperamento e carattere

Quando si pensa a un classico cane da difesa di taglia grande l’immaginario collettivo si focalizza principalmente sul  cane da pastore tedesco, più comunemente noto solo come Pastore Tedesco.

Si tratta infatti di una delle razze più note al mondo, sia per la bellezza estetica degli esemplari che per l’intelligenza che da sempre li contraddistingue.
Non a caso numerosi cani poliziotto dediti alla ricerca della droga appartengono proprio a questa tipologia, avendo delle caratteristiche che ben si adattano alla collaborazione con l’uomo.

Parliamo pertanto di uno dei migliori amici che possiate mai avere, dal temperamento adatto a una perfetta convivenza anche tra le mura domestiche.

Se state pensando di adottare un pastore tedesco non perdete questo articolo, dove analizzeremo nel dettagli quali sono i tratti peculiari del suo comportamento e che tipo di qualità lo differenziano dalle altre razze altrettanto diffuse.

Addestramento

La prima caratteristiche che balza in mente quando si parla di pastore tedesco è la sua grande capacità a cogliere e interpretare i comandi del suo padrone, rendendosi perfettamente idoneo ad essere addestrato.

Parliamo infatti di una razza intelligente e reattiva, capace di trasformare un input in un’azione contravvenendo raramente alle regole imposte.

Il suo impiego in vari settori sociali ne è la prova lampante, potendo fare affidamento su una pazienza e una capacità di attendere non indifferente.
Se pertanto desiderate un amico a quattro zampe facile da educare, che potete portare in giro senza il timore che possa tirare o peggio scappare, questo esemplare è quello che fa perfettamente al caso vostro.

La sua indole prevede un grande rispetto per il compito che gli viene affidato, che solitamente viene portato a termine con successo nei tempi prestabiliti, senza alcun modo di ribellione o alcuna distrazione.

È un vero piacere trascorrere del tempo in compagnia di un animale che sembra comprendere le vostre parole e che obbedisce ai comandi impartiti per il suo bene, uscendo raramente dalle righe e non mostrandosi mai aggressivo con adulti e bambini.

Il rapporto con il padrone

Il temperamento del pastore tedesco lo porta ad essere spesso docile e giocherellone, perfetto per essere inserito all’interno di una famiglia con bambini piccoli, con i quali ama divertirsi in casa come all’aria aperta.

Nonostante la stazza ama trascorrere del tempo tra le mura domestiche, seppure una sfrenata corsa quotidiana al parco o in giardino lo rende certamente felice e libero.

Si adatta perfettamente a ogni situazione ed è capace di gestire il suo istinto mostrando tranquillità e sangue freddo nei momenti importanti.
Si tratta di un esemplare nato per difendere con decisione il proprio territorio dagli invasori e dagli altri cani, venendo pertanto scelto di frequente come cane da guardia per intimorire i malintenzionati.

La sicurezza in se stesso consente al pastore tedesco di non perdere mai eccessivamente il controllo e comprendere perfettamente quello che è il suo confine, in modo che non venga varcato da chi non dovrebbe tenendo tutto sotto il proprio sguardo attento.

Ama costruire un rapporto di fiducia reciproca con l’amico umano, che difficilmente tradisce aggredendolo in qualche modo o mostrando segni di aggressività.

Potrebbe risultare talvolta irruento causa delle dimensioni importanti, ma mai lo vedrete agitarsi isterico o abbaiare in maniera incontrollata.

Solitamente questa razza tende infatti a ponderare le proprie emozioni e mostrarsi riflessiva nelle scelte, anche quelle più istintive.

Il suggerimento è quello di iniziare ad addestrarlo da cucciolo, in modo che possa assimilare in breve tempo gli insegnamenti e metterli in pratica nel menage familiare.

Questi possono riguardare la passeggiata, il rapporto con gli altri animali, il momento del cibo o il gioco con i più piccoli.

Il rapporto con gli altri cani

L’aggressività non rientra tra le caratteristiche principali di questa razza, quindi è molto raro trovare un pastore tedesco che abbia attaccato per primo un altro cane. Certamente se lo stimolo proviene dall’esterno questo è portato a rispondere, soprattutto se di mezzo c’è il suo amato padrone, che difenderebbe dal mondo intero con coraggio e senza alcuna esitazione.

I maschi tendono ad essere leggermente più scattanti e impulsivi delle femmine, tendenzialmente dolci e docili nella maggior parte delle situazioni.
Talvolta può risultare divertente vederlo alle prese con esemplari di piccola razza, poiché potrebbe lasciarsi irretire nonostante la sua stazza maggiore e cadere in una situazione di forte stress.

Molto spesso, infatti, per farsi rispettare i cani di dimensioni ridotte cercano di farsi rispettare abbaiando forsennatamente, condizione che l’oggetto del nostro articolo tende a soffrire in maniera importante.

Non accade spesso che un pastore tedesco attacchi un compagno di giochi, soprattutto nelle aree condivise che non percepisce come proprio territorio. Diversa è la questione se vede invaso il proprio spazio e per questo è sempre opportuno introdurre un nuovo membro della famiglia non umano con tatto e pazienza, senza imporlo in maniera perentoria.

Solitamente il vostro amico a quattro zampe trova divertente condividere il tempo con un suo simile, avendo un carattere estremamente affettuoso e giocherellone, soprattutto nei primi anni di vita quando la sua energia è piuttosto difficile da contenere.

L’attenzione e la concentrazione

Ciò che colpisce maggiormente quando si osserva un pastore tedesco è la profondità del suo sguardo, che si dimostra vivace e intelligente nella maggior parte delle situazioni.

Per questa sua reattività agli stimoli provenienti dal mondo umano viene anche utilizzato come accompagnatore per le persone affette da cecità o altre disabilità, possedendo una pazienza fuori dal comune e una capacità superiore di recepire e rispondere ai comandi.

Inoltre, la razza viene impiegata di frequente nelle squadre di ricerca di persone scomparse in condizioni ambientali e meteorologiche difficoltose, come a seguito di una valanga, di una frana o di un terremoto.

Il suo fiuto è infatti particolarmente sviluppato e la sua caparbietà non gli consente di mollare prima di aver raggiunto l’obiettivo che gli è stato assegnato.

Non di rado si rende pertanto protagonista di salvataggi eccezionali, andando a cercare individui dati per spacciati e riportandoli a casa sani e salvi. Il senso del dovere è uno dei suoi tratti distintivi, che lo rende unico e speciali in differenti contesti.