I cani possono mangiare i funghi?

I cani possono mangiare i funghi?

L’alimentazione dei cani è di fondamentale importanza affinché svolgano una vita sana e non insorgano malattie di carattere intestinale, tuttavia sono tanti gli alimenti che l’uomo mangia quotidianamente, ma che al cane non sono concessi.

I funghi sono un esempio pratico di alimento che l’uomo mangia molto spesso, ma che al cane potrebbe creare fastidi.
La domanda più lecita è quindi: i cani possono mangiare i funghi?

I cani possono mangiare i funghi?

Tra le domande riguardanti l’alimentazione di un cane, questa è tra le più pronunciate poiché si tratta di una pietanza che l’uomo assume frequentemente.

Chiunque possieda un cane e mangi i funghi con regolarità si sarà posto questa domanda almeno una volta.

La risposta è si, i cani possono mangiare i funghi, ma, così come per ogni altro alimento, bisogna fare attenzione alle quantità, alla frequenza e al tipo di preparazione.

Prima di addentarci nella preparazione dei funghi, è necessario sottolineare un importante aspetto di questo alimento. Nonostante si trovino in natura in maniera molto abbondante, i funghi sono un alimento potenzialmente tossico anche per l’uomo.

Non a caso è severamente sconsigliato che l’uomo ingerisca qualsiasi tipo di fungo raccolto in natura poiché sono tante le specie di questo cibo che sono molto velenose.

L’ingerimento di essi può quindi essere un’importante causa di malessere intestinale, ma anche di problemi decisamente più severi.

Lo stesso vale anche per il nostro amico a quattro zampe, anch’esso non può assolutamente mangiare funghi raccolti in natura allo stato brado.

Quali sono i funghi che il cane può mangiare?

La natura velenosa di molti funghi li rende pericolosi per qualsiasi essere vivente che decida di nutrirsene, la questione è ben diversa nel caso in cui questo alimento sia soggetto a dovuti controlli durante la crescita e la commercializzazione.

Sebbene i funghi cresciuti allo stato brado siano severamente vietati sia all’uomo che al cane, quelli venduti nei banchi frigo e nei negozi alimentari sono invece consumabili senza alcuna preoccupazione.

Si tratta di alimenti controllati che rispettano numerose norme di sicurezza prima di poter essere venduti, per tale ragione puoi dare al tuo cane soltanto i funghi acquistati.

Inoltre, vi sono delle varietà di funghi che possiedono numerose sostanze benefiche per il corpo, tra questi i più noti sono i funghi porcini.

Questi rappresentano un alimento di alta qualità che può fungere come contorno perfetto per dare più sapore a ciò che il tuo cane mangia.

Quanti funghi può mangiare il cane?

Ogni alimento può risultare dannoso o comunque fastidioso per il proprio organismo nel caso in cui venisse assunto in quantità eccessive, lo stesso vale per i cani e per la loro dieta.

Raramente viene consigliato di dare a mangiare una stessa pietanza diverse volte a settimana ai propri amici a quattro zampe poiché la loro dieta deve rimanere molto varia, ma accompagnata soprattutto da alimenti come i croccantini.

Un altro aspetto fondamentale da non dimenticare quando si parla dell’alimentazione dei nostri cani è la quantità di ciò che gli si dà a mangiare.

Per quanto alcuni funghi possiedano delle sostanze nutritive benefiche al corpo e all’intestino, viene consigliato di tenerli unicamente come contorno di un pasto, quindi in quantità ridotte.

Quando possono mangiare i funghi?

Nessun alimento andrebbe dato al proprio cane diverse volte a settimana poiché la dieta potrebbe essere soggetta a squilibri.

Infatti la dieta dei cani, così come quella dell’uomo, ha bisogno di pietanze differenti per ogni giorno della settimana cosicché vengano introdotte tutte le sostanze nutritive di cui il corpo necessita.

Variando il tipo di alimenti, cambiano anche i nutrienti, in questo modo è possibile favorire lo sviluppo di un fisico sano e resistente.

Ciò rende ovvio il fatto che i cani, pur potendo mangiare i funghi commercializzati, debbano introdurli nella loro dieta non troppo di frequente, una volta a settimana potrebbero andare bene, ma non bisogna eccedere nelle quantità.

Come preparare i funghi per il cane

La cottura degli alimenti rappresenta un processo di fondamentale importanza affinché vengano eliminati batteri, parassiti e tante altre sostanze possibilmente dannose per chi si appresta a mangiare la pietanza.

Anche nel caso dei funghi, bisogna affrontare questo passaggio affinché l’alimento arrivi al proprio cane privo di rischi ed anche con un sapore decisamente migliore.

Nonostante i funghi vengano molto spesso fritti con l’olio d’oliva per avere maggiore sapore e una consistenza piacevole, è sconsigliato darli a mangiare al cane se cotti in questo modo.

Ricordiamo infatti che le fritture non dovrebbero mai essere presenti nella dieta degli amici a quattro zampe poiché sono causa di numerosi malesseri intestinali.

Per tale ragione sembra evidente che la cottura ideale per i funghi sia quella al vapore (il che si addice di più alle cucine dei ristoranti e non quelle domestiche) oppure la bollitura dell’alimento.

Una volta affrontato un processo di pulizia attenta del fungo attraverso un risciacquo prolungato, il fungo va asciugato (così da rimuovere possibili residui di sporco) e messo in padella con dell’acqua.

Dopo aver cotto l’alimento sarà necessario farlo raffreddare prima di servirlo al cane. È importante ricordare che il sale non debba essere aggiunto in questa ricetta e che le spezie possano avere effetti collaterali nei cani.

Quindi potrebbe essere una buona pratica quella d’informarsi per conoscere quali spezie siano digeribili per il cane e quali no, nel caso in cui non si conoscessero le proprietà e i rischi delle spezie, sarebbe consigliabile evitare il loro uso in cucina quando ti appresti a preparare per il tuo amico peloso.

Infine, nel caso in cui dovessi riscontrare alcuni malesseri nel cane a distanza di poco tempo dall’assunzione di funghi, è fondamentale chiedere un parere medico a riguardo e spiegare quali cibi avesse mangiato e quando.